Vallanzasca – Gli angeli del male



locandina
titolo originale
Vallanzasca – Gli angeli del male
nazione Italia
anno 2010
regia Michele Placido
genere Drammatico
durata 125 min.
distribuzione 20th Century Fox
cast K. Rossi Stuart (Renato Vallanzasca) • V. Solarino (Consuelo) • F. Timi (Enzo) • P. Vega (Antonella D’Agostino) • M. Bleibtreu (Sergio) • F. Scianna (Francis Turatello) • G. Bruno (Fausto) • M. Barladeanu (Nicoletta) • S. Fregni • L. Gotti (Carmen) • T. Pandolfo (Spaghettino) • L. Guanciale (Nunzio)
sceneggiatura G. Amato • A. Leanza • M. Placido • A. Purgatori • K. Rossi Stuart • T. Trupia
musiche Negramaro
fotografia A. Catinari
montaggio C. Catucci
uscita nelle sale 21 Gennaio 2011


La vita, i crimini, gli arresti e le fughe dal carcere di Renato Vallanzasca e della sua banda in un affresco di un periodo della nostra storia più recente. Milano, anni settanta. Il mondo della mala è dominato dal potere incontrastato di Francis Turatello, detto “Faccia d’angelo”, quando la banda Vallanzasca irrompe sulla scena. Iniziato fin da giovane alla carriera criminale ora guida un gruppo di amici di infanzia, tossici e piccoli delinquenti, che dalle rapine passa a consumare un omicidio dietro l’altro. Il denaro scorre e la banda si dà alla bella vita. Renato nel frattempo ha incontrato Consuelo, bellissima e disinvolta ragazza meridionale…



L’ultimo film di Michele Placido ci racconta la vita, i crimini, gli arresti, le fughe e la popolarità di Renato Vallanzasca – noto criminale milanese della recente storia italiana – attingendo proprio dalla popolarità raggiunta dal criminale nella sua vita, per presentarcelo come un mito urbano pluriomicida con tre ergastoli e duecento-e-non-so-quanti-altri-anni da scontare che dice frasi del tipo «Io non sono cattivo, è che (…mi disegnano così) ho un lato oscuro molto accentuato». Kim Rossi Stuart tuttavia riesce a trasmetterci perfettamente l’idea di personaggio che il regista ha progettato per il suo pubblico, peccato però che le caratteristiche accentuate di questo noto criminale rendano tutta la storia solo cibo per ragazzotti che giocano ancora tra di loro a chiamarsi Il Freddo, Il Libanese, Il Dandi e via dicendo. Questo tipo di mitizzazione un po’ pulp se vogliamo, c’è piaciuta molto in Romanzo Criminale, più corale, più completo, meno “eroico”, ma soprattutto nel 2005, vale a dire 6 anni fa. Vallanzpalla, ops scusate, Vallanzasca annoia e soprattutto non lascia nulla allo spettatore se non il gusto di vedere nasi rotti a forza di craniate, autolesionismo come tattica per uscire di galera, scopate con belle bambolone e mitragliate gratuite contro il mondo. Sarebbe stato di gran lunga più interessante, ma di certo meno vantaggioso al botteghino, un’analisi diversa, più introspettiva di questo personaggio che senza dubbio presenta degli aspetti che possono risultare a loro modo affascinanti.


Annunci

Info Il Cinema Bendato
Il Cinema Bendato cerca di sotto-porre l’attenzione su quel cinema che spesso viene messo da parte, che non riceve la giusta luce, che purtroppo non è facile da far raggiungere agli sguardi di un pubblico numeroso. Togliamogli le bende. Togliamoci le bende.

One Response to Vallanzasca – Gli angeli del male

  1. Anonimo says:

    Se il film non fosse quello che è , nella sua ispirazione, sarebbe tranquillamente da 7.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: