A Dangerous Method

Speciale Venezia

Concorso
A Dangerous Method, David Cronenberg

Film di Cronenberg senza Cronenberg. O almeno senza quel Cronenberg che ricordiamo.
In A Dangerous Method, presentato alla 68° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, la viscerale ossessione per i corpi consolidata nel tempo e nei film dell’autore si tramuta nell’interesse per le ossessioni della mente. Tratta infatti dello sviluppo della psicanalisi l’ultimo film del regista canadese, e nello specifico del rapporto tra Freud, Jung e Sabina, prima paziente e poi allieva dello psicanalista svizzero. Durante il corso del film ripercorriamo gli eventi che hanno legato gli studi del fondatore della psicanalisi Sigmund Freud a quelli del suo più grande sostenitore Carl Gustav Jung,  per osservare la nascita dei loro scontri scientifici e per giungere infine all’allontanamento definitivo dei due scienziati.
La pellicola affronta un tema affascinante che si dimostra in grado di catturare l’attenzione dello spettatore, ma al contempo mantiene un ritmo piatto e costante per tutta la sua durata senza essere davvero capace di sorprendere. Ruolo estremamente difficile quello di Keira Knightley, che tuttavia – a eccezione di qualche  esasperazione – riesce a gestire in modo abbastanza dignitoso.
Sufficiente. Il ragazzo ha studiato ma non si applica al pieno delle sue capacità.

Annunci

7 Responses to A Dangerous Method

  1. Pingback: Speciale Venezia68 « Il cinema bendato

  2. lou salome says:

    Prima di andare a vedere al cinema “A Dangerous Method” di Cronenberg vi invito a leggere il libro “Vite soffiate. I vinti della psicoanalisi” ( http://www.librovitesoffiate.tk ). E’ un giallo psicologico in cui Karin, psicoanalista e cognata di Virginia Woolf, indaga sulle motivazioni misteriose che hanno portato al suicidio una serie di psicoanalisti, accomunati dall’aver frequentato lo stesso Ospedale di Zurigo in cui fu ricoverata Sabina Spielrein. Un capitolo del libro è dedicato alla tormentata relazione tra Jung e Sabina. Pur trattandosi di un libro di fiction, è documentato grazie alle ricerche storiche che l’autore ha condotto a Zurigo.

  3. lou salome says:

    Prima di andare a vedere “A dangerous method” al cinema, consiglierei di leggere il libro VITE SOFFIATE. I VINTI DELLA PSICOANALISI ( http://www.librovitesoffiate.tk ). Si tratta di un libro di fiction o giallo psicologico in cui Karin indaga su una serie di psicoanalisti tutti morti suicidi, che in parte erano accomunati dall’avere frequentato lo stesso Ospedale di Zurigo in cui venne ricoverata Sabina Spielrein. Un capitolo del libro parla della relazione tra Sabina e Jung. Il libro pur essendo di fiction è frutto degli studi dell’autore che ha acquisito documenti originali provenienti da Zurigo.

  4. Rita says:

    Veramente Cronenberg non ha mai avuto un’ossessione per i corpi fine a se stessa, ma sempre relativamente alle mutazioni che essi manifestano (nell’incontro-scontro con la tecnologia, o con l’altro, o con la società ecc.); e l’interesse per questo tipo discorso non è mai stato disgiunto dal legame inscindibile che il corpo ha con la mente (uno su tutti: Spider, ma anche Crash, Inseparabili). Mai. E del resto, non potrebbe essere diversamente, essendo corpo e mente correlati.
    Ovviamente, non avendo ancora visto il film, non posso dire se quest’ultimo suo lavoro sia all’altezza dei precedenti, dico solo che Cronenberg è un regista che ha sempre saputo sperimentare in maniera poliedrica le sue tematiche e che anche quando sembra che se ne discosti, in realtà le affronta solo sotto prospettive diverse.

    Un grazie ad Alessia per i puntuali resoconti :-) Così anche noi, da casa, abbiamo un po’ l’impressione di essere a Venezia.

  5. Pierrot [Noa] says:

    No No No così Cronenberg non va bene!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: