Reds

Capolavori bendati

titolo originale Reds
nazione Stati Uniti
anno 1981
regia Warren Beatty
genere Drammatico
durata 194 min.
distribuzione Paramount Pictures
cast Warren Beatty (John Reed), Diane Keaton (Louise Brynte), Paul Sorvino (Louis Fraina), Jack Nicholson (Eugene O’Neill), Maureen Stapleton (Emma Goldman), Gene Hackman (Pete Van Wherry), Edward Herrman (Max Eastman)
sceneggiatura Warren Beatty, Trevor Griffiths
musiche Stephen Sondheim
fotografia Vittorio Storaro
montaggio Dede Allen, Craig McKay
uscita nelle sale 4 dicembre 1981



Tornato dal Messico nel quale aveva seguito, con i suoi brillanti reportages, la rivoluzione di Pancho Villa, John Reed si innamora di Louise, e fugge con lei a New York. Con l’ingresso nel 1917 degli USA nella prima guerra mondiale, i due si ritrovano a Pietroburgo, dove diventano testimoni della rivoluzione d’ottobre.

a cura di Serena Ganzarolli (voto 8/10)

Reds è la storia dei primi vent’anni del Novecento visti dal giornalista e scrittore americano John Reed (Warren Beatty) e da sua moglie, Louise Bryant (Diane Keaton). Il film intreccia continuamente il personale al politico, rendendo così molto bene la complessità di un evento come quello della rivoluzione russa del 1917, a lungo troppo semplificato sia dalla politica che dall’arte.

Reds è un film che si può dividere in due parti: la prima, è quella in cui predomina l’innocenza e l’ingenuità rivoluzionarie di John e Louise, impegnati entrambi nel loro lavoro di giornalisti a New York e nelle battaglie politiche portate avanti con passione. In questa prima parte troviamo anche molte più scene di socialità: amici e intellettuali, chiacchiere sincere, notti passate a provare scene di teatro avanguardista scritte e dirette dal poeta Eugene O’Neill (Jack Nicholson) in riva al mare. Ed è con questo sguardo, appassionato e sincero, che John e Louise saranno testimoni diretti di uno dei più grandi avvenimenti del secolo scorso, la Rivoluzione d’Ottobre.

La tensione però aumenta e i protagonisti vivono una mutazione che sembra operata dalla Storia: John decide di fare sul serio in politica, e fondare un partito operaio d’America, con tutte le conseguenze che questa decisione porta con sé. La carriera politica segna una specie di ingresso in un mondo dove non c’è più spazio per la sincerità, il tempo perso e le chiacchiere di una volta. Entrambi si allontanano dall’ambiente culturale di New York, quasi come segnati da quella rivoluzione che, anche se li ha visti solo come testimoni, segnerà un punto di non ritorno nelle loro vite. John passerà sempre più tempo occupato nella politica e negli accesi dibattiti dell’epoca, cosa che rischierà di trasformarlo in un burocrate senza emozioni. Louise, invece, sarà sempre impegnata a corrergli dietro, nel tentativo di riportarlo alla prima fase della loro storia. In questa seconda parte lo sguardo che predomina, interrogativo e amareggiato, è quello di lei, che comunque, fino all’ultimo, non rinuncerà al tentativo di far tornare indietro, umanamente parlando, John.

Ulteriore prova della necessità di dividere in due parti il film, sono le musiche: nella prima predomina un infantile motivetto popolare, nella seconda l’inno socialista dell’Internazionale.

Sarebbe errato, tuttavia, considerare John e Louise come personaggi identici, sostituibili l’uno con l’altro, o comunque confondibili: nel primo prevale sempre l’aspetto ideologico e razionale, anche quando la vita non lo ripagherà, nella seconda prevale il carattere di outsider e, in generale, di persona che non riesce a trovare una propria collocazione in anni in cui era importante averla. E per questo, ovviamente, incarna tutte le contraddizioni dell’epoca, tesa continuamente tra il voler difendere John, ossia la sua parte più razionale, e il volerlo lasciare, per ritornare indietro, spensierata, alla vecchia vita innocente.

Eccellenti in questo film sono le interpretazioni di John Reed e Louise Bryant da parte di Warren Beatty e Diane Keaton, nonché quella di Jack Nicholson nei panni del poeta Eugene O’Neill. Da segnalare inoltre il gran numero di personaggi storici inseriti nel film (Lenin, Emma Goldman, Zinoviev, Trotskij, tanto per citarne solo alcuni) e l’ottima resa del famoso treno russo, orgoglio dell’Unione Sovietica, che ne attraversava tutto il territorio.

Interessante, inoltre, la scelta di alternare il film a spezzoni di testimonianze di conoscenti della coppia e di importanti personaggi storici, quasi a voler creare una sorta di alone leggendario intorno ai due, che obbliga a fare un parallellismo tra la rivoluzione e John e Louise, che vengono raccontati dai testimoni come due persone che hanno vissuto tra il mitologico e l’irreale, caratteri che contrastano con il vivace realismo dei protagonisti del film.

Reds è un film che va visto perché parla di un evento storico da un punto di vista inedito, personale, e molto emozionante, equilibrando le due componenti. Inoltre, si può anche leggere come una bellissima metafora della vita di molti personaggi politici del secolo passato, che nella Rivoluzione d’Ottobre e nei suoi valori hanno creduto.

Premi: Il film ha vinto il premio Academy Awards per la miglior regia, la miglior fotografia, e per la migliore attrice non protagonista (Maureen Stapleton). Ha ricevuto nove nomination: miglior attore protagonista (Warren Beatty), miglior attore non protagonista (Jack Nicholson), migliore attrice protagonista (Diane Keaton), miglior direttore artistico e miglior scenografia (R. Sylbert, M. Seirton), miglior costumi, miglior montaggio, miglior fotografia, miglior suono, miglior sceneggiatura.

Reds streaming: Potete trovare questo film su youtube diviso in 18 parti. A seguire la 1/18.

Annunci

2 Responses to Reds

  1. “I dieci giorni che sconvolsero il mondo”, dici?

  2. Anonimo says:

    Va letto anche il romanzo !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: