Source Code

 


titolo originale Source Code
nazione
U.S.A – Francia
anno 2011
regia Duncan Jones
genere Drammatico, fantascienza, thriller
durata 93 minuti
distribuzione 01 distribution
cast Jake Gyllenhaal (Coltor Stevens), Michelle Monaghan (Christina Warren)Vera Farmiga (Carol Goodwin), Jeffrey Wright (Dr. Rutledge)
sceneggiatura Ben Ripley
musiche Chris Bacon
fotografia Don Burgess
montaggio Paul Hirsch
uscita nelle sale Aprile 2011



Il pilota Colter Stevens si sveglia su un treno in viaggio verso Chicago. L’ultima cosa che ricorda è di essere stato in missione in Afghanistan.

a cura di Greta Colli (voto 7/10)

Mai fidarsi dei trailer docet!

Un film come Source Code, se non sei un cinefilo consapevole che il regista è Duncan Jones sbarcato su Moon, lo vedi in trailer e pensi che sarà il nuovo Mission Impossible con i suoi annessi e connessi spari e bombe alla nitroglicerina. La curiosità vince e lo affitto senza tante aspettative. Lo ammetto, non ho visto Moon e questa mancanza andrà presto colmata soprattutto ora dopo aver visto, per l’appunto, Source Code. Nel nuovo film di Jones il corpo in fin di vita del capitano Colter Stevens è stato prelevato dalla sua missione in Afghanistan per fare da cavia al nuovo marchingegno dell’aeronautica militare americana, il Source Code, in grado di connettere la mente e in questo caso anche il cuore della cavia, agli ultimi 8 minuti di memoria di una vittima, della quale prenderà il posto FISICAMENTE. Jake Gyllenhaal più volte sarà mandato su quel treno in corsa che tra 8 minuti esploderà per scoprire chi ha piazzato la bomba. Quel che rimane del corpo del  capitano è collegato ad una macchina ma la mente è vigile e il cuore batte ancora… ed ora batte per Christina, la ragazza in blu che lo aspetta sorridente su quel treno, ogni volta. Se la vita cessa di esistere nella realtà (cos’è reale e cosa no?) secondo la fisica quantistica, allora perché non provare a vivere una vita alternativa o meglio, una vita diversa costruita secondo scelte differenti che prendiamo ogni giorno. Se avessi preso l’autobus oggi invece di perderlo, cosa sarebbe successo? Esisterà un’altra me che è salita su quell’autobus e che ora sta seguendo una linea diversa ma parallela alla mia?! …che macello! E se non è zuppa è pan bagnato… e insomma!!

Ci è piaciuto (non mi do al pluralis maiestatis ma parlo per me e l’altra me) e gli diamo un bel….

Annunci

Info G.
Solo io.

9 Responses to Source Code

  1. L’ho visto ieri! Idea estremamente interessante, grazie per averlo segnalato!

  2. Pingback: Flussi di suoni: Soundtrack_ottobre2011 « Il cinema bendato

  3. Noa Persiani says:

    Non ho capito molto..ma questo film si occupa
    di fisica quantistica?

  4. concordo sul voto (tralasciando il doppiaggio in italiano). fantascienza tiratissima e non troppo criptica, con una buona dose di sincero romanticismo, nonché argomenti attuali finalizzati a creare un messaggio.

    • Greta Colli says:

      Esatto, credo che il punto sia proprio lasciare un messaggio.

      Se posso dire la mia sul doppiaggio..tanto per farci quattro risate..hai mai sentito il doppiaggio polacco??????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: