Henry


titolo originale Henry
nazione Italia
anno 2010
regia Alessandro Piva
genere Drammatico
durata 86 min.
distribuzione Iris Film Distribution
ast D. Abbrescia • D. Coco • C. Crescentini • P. De Silva • E. Ebouaney • V. Facciolla • R. Fiorentini • A. Gaya • C. Gioè • S. Laude • M. Mazzotta • M. Riondino • A. Santagata • P. Sassanelli
sceneggiatura A. Piva
musiche A. Farri
fotografia L. Adorisio
montaggio A. Piva
uscita prevista 2 Marzo 2012

Roma. Due omicidi, il traffico di droga, la malavita organizzata e non. Indagini e destini che si scontrano. Una fotografia oscura della capitale.

a cura di Laura Preite (voto 5,5/10)

Henry è l’ultimo lavoro cinematografico di Alessandro Piva, presentato prima al Torino Film Festival nell’edizione 2010 e poi al Festival del Cinema Europeo a Lecce nel 2011. Da pugliese, avevo abbandonato Sassanelli e Abbrescia, alle prese con scassati e rumorosi motorini che sfrecciavano per Bari vecchia ne Lacapagira e Piva impegnato ad elaborare divertenti spot elettorali. Me li sono ritrovati a Roma a girare un noir italiano, che purtroppo ha più il tanfo televisivo di una fiction poliziesca, che il volto del giallo da grande schermo.

Due commissari alle prese con le indagini riguardanti due delitti, una Roma che si veste di notti e di luoghi malsani. Vite private soffocanti e mogli che del macrobiotico ne hanno fatto una sofferente religione. Droghe che circolano nelle vene e nei nasi meno sospetti. Stranieri che per campare si organizzano, si coalizzano e creano bande pronte allo scontro per aggiudicarsi le vie privilegiate del traffico di stupefacenti e non solo. Nina (Carolina Crescentini) e il compagno nullafacente (Michele Riondino), succubi del loro amore scomposto  e delle loro occhiaie.

Una trama scucita che non permette al film di creare quella tensione narrativa che un giallo, per definizione, dovrebbe concedere allo spettatore. Inoltre, sono convinta che per produrre un noir non sia necessario ed obbligatorio chiamare in causa le ore notturne e la fotografia funerea, come per raccontare l’amore non servono prati in fiore e sorrisi smaglianti, o per raccontare il sesso non serva la pornografia. Forse non mi è piaciuta neanche la trafila di interrogatori ideali ai vari personaggi durante il film. Quella tecnica l’avevo già vista usare qualche decennio fa da un certo Bertolucci nel suo primo lungometraggio, La Commare Secca, e senza luci puntate in viso e forzate ambientazioni metropolitane.

Lo scorso anno, durante il Festival del Cinema Europeo a Lecce, ho scelto di vedere Henry. Uscendo dal Cinema ho dovuto placare l’irritazione procurata dalla rinuncia a rivedere Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders che proiettavano in contemporanea nella sala accanto. In realtà è stata una rabbia momentanea. Vedo film per passione ed il fatto che non tutti riescano a generare giudizi positivi non mi destabilizza. Henry è uno di questi. Storia poco accattivante, sceneggiatura in molte parti già sentita (di sfuggita anche su qualche canale televisivo da attori in divisa alle prese con omicidi e crimini di città), noir che di noir, a volte, ha solo le tonalità della pellicola. Per campanilismo e piacere personale, riservo compiacimento nei confronti del cast di attori ed è forse quello che mi spinge ad azzardare un voto corredato di qualche generoso decimale.  Non piacendomi assolutamente la demolizione critica delle opere filmiche o artistiche in genere ed avendo apprezzato la regia e la sceneggiatura de Lacapagira, ritengo quest’ultimo film di Piva un errore di percorso. Attendendo il prossimo.

Annunci

Info Il Cinema Bendato
Il Cinema Bendato cerca di sotto-porre l’attenzione su quel cinema che spesso viene messo da parte, che non riceve la giusta luce, che purtroppo non è facile da far raggiungere agli sguardi di un pubblico numeroso. Togliamogli le bende. Togliamoci le bende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: